Vinophila 3D Wine Expo - L' Expo per Vino, Birra e Bevande Alcoliche

ultimi articoli

Vendemmia 2021: la Spagna “mata” la Francia

(di Redazione) Gelo, peronospora, siccità: gli effetti del cocktail meteorologico dell’anno 2021 sulla vendemmia sono stato difficili da digerire per i viticoltori francesi. Dopo una vendemmia piuttosto tardiva, è il momento della prima valutazione. Secondo l’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino, la Francia perderà il suo tradizionale 2 ° posto e verrà retrocessa al 3 ° posto nel mondo tra i produttori di vino.

In un rapporto sulla produzione mondiale pubblicato giovedì 4 novembre, l’OIV stima la vendemmia in Francia a 34,2 milioni di ettolitri, che rappresenta un calo del 27% rispetto al livello del 2020. Anche se i suoi concorrenti abituali – Italia e Spagna – hanno anche sofferto alcuni rischi climatici, il conto è, per loro, molto meno salato. Con i suoi 44,5 milioni di ettolitri (-9%), l’Italia mantiene la corona di leader mondiale.  Per quanto riguarda la Spagna, ha visto il suo flusso di raccolto ridotto del 14%, ma, con un totale di 35 milioni di tonnellate, si mette davanti alla Francia. In Europa, alcuni paesi hanno sperimentato fortune migliori. Romania, Ungheria, Germania e Portogallo hanno beneficiato di condizioni di crescita più favorevoli e mostrano aumenti di volume. Tuttavia, nonostante il trio leader mondiale raccolga raccolti magri, è l’intera produzione vinicola mondiale che brinda.  Secondo l’OIV, nel 2021 dovrebbe essere estremamente basso, vicino al livello storicamente basso del 2017. La stima media è di 250 milioni di ettolitri, in calo del 4% rispetto al 2020.

Tuttavia, al di fuori dell’Unione europea, i vigneti hanno beneficiato di climi più miti per la vendemmia. Negli Stati Uniti, nonostante gli episodi di siccità, i volumi sono aumentati del 6% a 24,3 milioni di ettolitri, dopo un anno 2020 segnato da incendi devastanti in California.  Anche nell’emisfero australe è giunto il momento di essere soddisfatti: Cile, Argentina, Brasile, Sudafrica e Australia hanno fatto rifornimento nei loro tini di vino. Questa area geografica ha registrato una produzione record di 59 milioni di ettolitri, con un forte aumento del 19%. Naturalmente, queste stime pubblicate dall’OIV si riferiscono ai volumi di produzione, non al valore. Se la Francia è quindi solitamente al secondo posto nella classifica mondiale dietro alla vendemmia italiana, prende il primo posto nella valorizzazione dei vini. 

Uno status che dovrebbe mantenere, anche se retrocesso nel 2021 in termini di volume della vendemmia, soprattutto perché le esportazioni di Champagne, Bordeaux, Bourgogne e i rosati della Provenza stanno rifiorendo dopo la crisi a causa del Covid-19. I viticoltori francesi tengono le dita incrociate. Tutto dipenderà dal 2022.

Redazione
Dopo un'attenta selezione delle migliori notizie da potervi offrire, la redazione di Vinophila pubblica sempre contenuti freschi, aggiornati e pieni di spunti sul panorama enogastronomico italiano e internazionale.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Imperdibili