Vinophila 3D Wine Expo - L' Expo per Vino, Birra e Bevande Alcoliche

ultimi articoli

Bordeaux 2021 en-primeur, per Liv-ex un prevedibile caos

24 giugno 2022

(di Giulio Bendfeldt) Una annata buona, destinata però ad un consumo veloce e non ad un lungo invecchiamento. Un’annata da usare per rivitalizzare il mercato di Bordeaux, ma per Liv-Ex l’operazione non è affatto riuscita. Il giudizio critico – trainato soprattutto dagli operatori del Regno Unito – arriva a pochi giorni dalla conclusione delle giornate dedicate dalla capitale della Gironda al grande rosso francese che però si sta vedendo portare via lo scettro dalla Borgogna.

Secondo la comunità dei buyer, la campagna 2021 ha fatto poco per affrontare la crisi di identità delle vendite En Primeur e, anzi, potrebbe averla peggiorata con un calendario, ad esempio, irregolare interrotto da fiere e giorni festivi.  Spiega il report di Vin-ex: «Il 2021 era un’annata destinata ai tavoli da pranzo, non a decenni in cantina. Ora è destinato a venir scontato: già prima della fine della campagna, le offerte erano il 15% in meno rispetto al‎‎ prezzo di apertura. Non sarebbe sorprendente registrare sconti più elevati nei prossimi mesi e anni»

Il problema adesso è tutto in capo degli Chateaux che debbono confrontare gli scarsi risultati dell’en primeur con rese più basse, costi di produzione più elevati e prospettive economiche non brillanti. Uno scenario che forse si poteva evitare se non si fosse proposta un’annata non eccezionale con prezzi difficilmente distinguibili da quelli delle grandi annate, quelle cercate con più decisione da commercianti e collezionisti.

I successi della campagna sono stati pochi:  i  premier cru classés (anche alcune seconde etichette) come  Lafleur, Calon Ségur, Les Carmes Haut-Brion e Cheval Blanc sono stati tutti inseriti frequentemente nei borderaux  dei commercianti.‎ ‎Cheval Blanc, in particolare, è passato dall’essere “una vendita difficile al beniamino della campagna”.‎ ‎ ‎Ma anche per le versioni meglio giudicate c’era una lamentela: una continua restrizione sulla quantità di scorte rilasciate. La maggior parte delle versioni sono diminuite del 20%, 30% o anche di più rispetto alla quantità rilasciata l’anno scorso.‎

‎Il 2021 è stata un’annata relativamente piccola e alcune tenute hanno perso gran parte del loro raccolto. Per questo motivo, il rilascio di Château Haut-Bailly è stato inferiore del 60% rispetto allo scorso anno. Ma altre proprietà sono sfuggite ai problemi di gelo e muffa relativamente indenni e hanno comunque ridotto i volumi di rilascio del 30%.‎ ‎Questa trattenuta di azioni dal mercato è stata stigmatizzata in numerosi rapporti. Inutile dire che non aiuta in alcun modo i commercianti che perdono le vendite e influisce negativamente sulle prestazioni del mercato secondario di Bordeaux, che a sua volta fa sì che i collezionisti cerchino opportunità altrove.‎

‎Ad esempio, quando si guardano le vendite dei membri del Regno Unito (la più grande coorte singola di acquirenti di En Primeur), è chiaro che questa è stata una campagna debole. Il conteggio finale delle vendite è appena più significativo del 2017. I rapporti aneddotici dei commercianti suggeriscono che questa è stata una campagna con una maggiore enfasi sulla conservazione delle allocazioni dei migliori vini (in generale rilasciati più costosi rispetto al 2017), ma con meno vini venduti nel complesso.‎

Nella stessa settimana in cui si è conclusa la campagna di Bordeaux, con le uscite di Margaux, Mouton, Haut-Brion, Figeac, Calon-Ségur, Clos Fourtet e Cos d’Estournel – la Borgogna ha avuto la sua ‎‎più alta quota di scambi settimanali‎‎ nel mercato secondario.‎

Confrontando le vendite degli anni 2021 con quelle del 2020, il feedback dei commercianti di tutto il mondo è che la maggior parte ha venduto molto meno rispetto allo scorso anno, con vendite di volume e valore in calo fino al 60% in alcuni casi. In alcuni casi, le vendite di vini solitamente bancabili sono crollate quasi a zero.‎ Quanto ai prezzi, gli Chateaux hanno rilasciato i loro 2021 allo stesso prezzo degli anni 2020. In media, i 2021 sono stati valutati due punti in meno rispetto agli anni 2020 da Neal Martin (92 punti contro 94 punti), ma i prezzi medi di rilascio degli anni 2021 erano inferiori dell’1% rispetto a quelli del 2020 – e molti vini del 2020 rimangono disponibili al loro prezzo di rilascio.‎

‎Ad esempio, Château Léoville Las Cases ha registrato il più grande calo dei prezzi del 14,6% rispetto all’uscita dello scorso anno. Ci sono stati, ovviamente, anche vini che aumentato i loro prezzi. Clos du Marquis – della scuderia Domaines Delon – ha avuto il maggiore aumento dei prezzi tra i vini rossi, in crescita del 12,9%. La maggior parte dei grandi aumenti proveniva dai vini bianchi, con i produttori che contavano su piccoli volumi e alti consensi della critica per guidare la domanda.‎

In termini di punteggio medio, è meglio confrontare l’annata 2021 con il 2014 piuttosto che con il 2020. Eppure i prezzi del 2021 sono stati valutati in linea con l’annata 2020. Con il prezzo medio di mercato del 2014 di £ 1.646 per cassa (12×75) – il 20% in meno rispetto al prezzo medio di rilascio del 2021 (£ 2.080)molti hanno trovato migliori opportunità nelle annate precedenti.‎ ‎Anche ampliando la selezione ai vini non presenti nel Bordeaux 500, in media i 2021 sono il 17,9% più costosi dell’attuale prezzo di mercato degli anni 2014 e il 15% più costosi rispetto agli anni 2017.‎

‎L’analisi Liv-ex‎‎ è tratta dal database indipendente più completo al mondo dei ‎‎prezzi dei vini pregiati‎‎. I dati riflettono l’attività in tempo reale degli oltre 580 membri commercianti provenienti da tutto il mondo. Insieme rappresentano il più grande bacino di liquidità al mondo – attualmente 100 milioni di sterline di offerte su 16.000 vini.

Vinophila
Vinophila
Vinophila 3D Wine Expo - Il metaverso per Vino, Birra e Bevande Alcoliche

Latest Posts

spot_imgspot_img

Imperdibili